Una grande gioia per Salboro!

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 17 giugno 2019
Domenica, 23 Giugno, 2019

 

Una grande gioia per Salboro!

 

Carissimi,

ci congratuliamo con padre Giovanni Voltan per il nuovo prezioso servizio al quale è stato chiamato: si tratta di un onore anche per noi, suoi compaesani!

Ecco quanto abbiamo letto in questi giorni dai giornali nazionali:

Il capitolo generale ordinario dell’Ordine dei Frati minori conventuali, in corso ad Assisi, ha eletto il giorno 27 maggio fra’ Giovanni Voltan – finora ministro provinciale della Provincia italiana di S. Antonio di Padova – Definitore generale dell’Ordine e assistente della Federazione inter mediterranea dei ministri provinciali. Ne dà notizia oggi la Provincia italiana di S. Antonio di Padova dei Frati minori conventuali in una nota nella quale viene spiegato che “con tale importante elezione fra Giovanni conclude de facto il suo servizio di ministro provinciale e – concluso il capitolo generale ordinario – si trasferirà a Roma presso la Curia generalizia per il nuovo servizio internazionale che ha accolto”.

Padre Voltan, nato a Padova nel 1962, ha servito la Provincia patavina per molti anni come formatore. È stato anche vicario provinciale dal 2009 al 2013 della Provincia patavina mentre dal 2013 ha ricoperto l’incarico di primo ministro provinciale della nuova Provincia italiana di S. Antonio di Padova (nata dall’unione della Provincia patavina e della Provincia bolognese). Ora farà parte del “consiglio generale” dell’Ordine, il “Definitorio”, guidato dal nuovo ministro generale fra Carlos Trovarelli, argentino, eletto sabato scorso in sostituzione di fra Marco Tasca, con il compito di assistente generale dei frati presenti nell’area mediterranea: Belgio, Francia, Italia, Libano, Malta, Portogallo, Romania, Spagna, Turchia. Padre Giovanni, visibilmente commosso, ha accolto il servizio chiedendo il sostegno di tutti i frati, anche nella preghiera!

Preghiera alla quale anche noi vogliamo unirci con affetto e gratitudine!

E permettetemi di concludere con queste belle parole di una riflessione che mi è stata partecipata durante la benedizione delle famiglie e che vogliamo dedicare proprio a padre Giovanni:

La Mia più bella invenzione, dice Dio, è Mia Madre.

Mi mancava una Mamma e l'ho fatta.
Ho fatto Mia Madre prima che ella facesse Me.

Era più sicuro.
Ora sono veramente un Uomo come tutti gli uomini.
Non ho più nulla da invidiar loro, poiché ho una Mamma.
Una vera.
Mi mancava.
Mia Madre si chiama Maria, dice Dio.
La sua anima è assolutamente pura e piena di grazia.
Il suo corpo è vergine e pervaso da una luce tale

che sulla terra mai Mi sono stancato di guardarla,
di ascoltarla, di ammirarla.
È bella Mia Madre, tanto che lasciando gli splendori del Cielo,

non Mi sono trovato sperduto vicino a lei.
Eppure so bene, dice Dio, che sia l'essere portato dagli angeli;

beh, non vale le braccia d'una Mamma, credetemi. (Michel Quoist)

Don Cristiano