La pandemia e il dono dello Spirito

Domenica, 31 Maggio, 2020

 

Carissimi,

siamo ritornati a celebrare insieme l’Eucaristia che, forse, mai come in questo tempo, abbiamo avvertito come un dono di cui essere grati, un dono dal Cielo, un dono di Dio Padre nel suo amatissimo figlio Gesù! Ma non dobbiamo dimenticare che Dio parla anche attraverso gli sconvolgimenti della natura e le pieghe della storia, illuminate dalla luce della Sacra Scrittura e, quindi, non archiviamo troppo presto questo tempo di pandemia ma cominciamo timidamente a chiederci cosa abbiamo vissuto e cosa stiamo vivendo, quale messaggio di grazia può essere racchiuso in questa penuria di mezzi, cosa il Signore sta dicendo a me personalmente, alla mia famiglia, alla mia comunità, alla società, al mondo. In questi giorni, mi tornano in mente il volto e la voce di un’anziana signora che abitava, sola, presso la canonica del Carmine in Padova e che mi vedeva spesso sfrecciare con la mia bicicletta per rincorrere l’ennesima riunione in vicariato. Un giorno ella azzardò un forte richiamo: “Padre, dove va sempre di corsa? Non ha un minuto per me?”. E mi rendo conto di come la mia vita fino a ieri fosse spesso piena di impegni ma forse latitante di incontro, ascolto, relazione finendo per smarrire l’essenziale che il Signore mi chiede come prete e pastore: la preghiera e l’annuncio della Parola di Dio! Fratel Enzo Biemmi, responsabile dei catechisti di tutta Europa, tratteggia la pastorale di oggi come pastorale “obesa”, sbilanciata in tante cose da fare e forse poco avvezza a perseguire il mandato di Gesù Cristo, che abbiamo udito proprio domenica scorsa: “Andate e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo!”.

E in questa domenica di Pentecoste invocheremo lo Spirito Santo per riappropriarci del nostro mandato di cristiani! Possano i suoi doni, la sapienza, l’intelletto, il consiglio, la fortezza, la scienza, la pietà e il timor di Dio, aiutarci a ritrovare una fede semplice e genuina che non si disperde in mille parole, commenti ed attività!

 

Sempre questa domenica, prima della santa messa delle ore 11.00, concluderemo il mese mariano con la recita comunitaria del Santo Rosario e, al termine della stessa, ci sarà la benedizione delle croci di legno che i contadini porranno nei campi, per implorare protezione dall’Alto e fecondità della terra, terra di cui stiamo imparando sempre più la preziosità e la bellezza, a noi consegnate da Dio per una equilibrata custodia che allontani ogni esagerato sfruttamento! Lo Spirito Santo discenda copioso nei nostri cuori e nel cuore delle nostre famiglie e comunità!

Don Cristiano

Ultimi Editoriali

La pandemia e il dono dello Spirito

31 Mag 2020
  Carissimi, siamo ritornati a celebrare insieme l’Eucaristia che, forse,...

L’adorabile corpo eucaristico di Gesù

17 Mag 2020
Carissimi,

Pasqua 2020: un barlume di speranza!

19 Apr 2020
  Pasqua 2020: un barlume di speranza!

Una fede audace nel Signore Gesù

Immagine dell'Editoriale del parroco del giorno 15 marzo 2020
15 Mar 2020
Carissimi,non senza amarezza e dispiacere, anche questa domenica 8 marzo,...

Catechesi, Mano nella Mano e giornata della Vita

26 Gen 2020
  Carissimi,